Ballerina della Scala licenziata per aver denunciato casi di anoressia

5 febbraio 2012 13:390 commenti

Maria Francesca Garritano è stata ufficialmente licenziata dal Teatro alla Scala. Trentatrè anni, (ex) solista del celebre Teatro, la Garritano aveva rilasciato poco prima dell’inaugurazione della stagione, a dicembre, un’intervista al britannico The Observer nel quale denunciava che “una ballerina su 5 della Scala soffre di disturbi alimentari”. In pratica anoressia.


La Garritano ha parlato per esperienza personale? Forse, ma il problema dell’anoressia nel mondo della danza è cosa nota da oltre trent’anni e forse troppo sottaciuto. Le dichiarazioni della ballerina le erano già costate una “sospensione a tempo indeterminato” dalla compagnia del Teatro milanese. Ora è arrivato il licenziamento definitivo “per giusta causa” e per diffamazione, avendo deliberatamente descritto una situazione non corrispondente al vero ledendo la reputazione e l’immagine del teatro.

Nella lettera di licenziamento ci cita anche la violazione dei doveri fondamentali che legano un dipendente al suo datore di lavoro essendo venuto meno il rapporto fiduciario alla base di questo legame.

La battaglia di Maria Francesca comincia circa due anni fa con la pubblicazione del suo libro La verità, vi prego sulla danza! Un volume choc in cui la ballerina raccontava i retroscena di un mondo dorato e perfeto all’apparenza, ma in realtà dominato dalla competizione, dai compromessi e dall’invidia. “Ci sono momenti in cui si entra in competizione anche sul quantitativo di cibo che si mangia” scrive Maria Francesca Garritano che nel libro racconta anche che molte sue colleghe non riescono ad avere figli a causa dei disordini alimentari che le affliggono.






Tags:

Lascia una risposta