Berlusconi accusato di plagio da J Ax

21 febbraio 2012 15:250 commenti

Ancora guai giudiziari per Silvio Berlusconi. Dopo la richiesta di cinque anni inoltrata dal pm nell’ambito del processo Mills (che con ogni probabilità cadrà in prescrizione), l’ex premier potrebbe ricevere una nuova denuncia.

Ieri sera il Cavaliere, in occasione di una cena a Villa Gernetto, ha smentito le voci (fantasiose”) secondo cui il vecchio emblema del Pdl potrebbe essere archiviato in occasione delle prossime amministrative, ma ha anche presentato il nuovo inno del Pdl. Berlusconi ha orgogliosamente spiegato che si tratta di una nuova canzone in grado di rilanciare definitivamente il Pdl: il titolo dell’inno sarebbe Gente di libertà, anche se al momento non è stato ancora confermato.


E qui arriverebbero i guai. Ma il testo della canzone sarebbe un plagio. È quanto afferma J.Ax, ex leader degli Articolo 31, che, via Twitter scrive di essere pronto a denunciare per plagio Berlusconi.

Gente di libertà, il nuovo inno del Pdl, sarebbe troppo simile a Gente che spera, una canzone degli Articolo 31 pubblicata nel 2002 nell’album Domani smetto.

Anche le parole sarebbero pericolosamente uguali. Le parole dell’inno “Noi siamo il Popolo della Libertà, gente che spera, che lotta e che crede nel sogno della libertà” avrebbero fatto infuriare J. Ax che ha subito minacciato di denunciare per plagio Berlusconi anche se sembra che al nuovo inno avrebbe lavorato in particolar modo l’onorevole Maria Rosaria Rossi.

J Ax, ex leader degli Articolo 31, avrebbe ricevuto delle segnalazioni da alcuni suoi fan e subito avrebbe twittato la notizia rimbalzata immediatamente sul social network.

Ora resta da capire se denuncerà effettivamente l’ex Presidente del Consiglio, indaffarato in questa ore a rilanciare il Pdl.






Tags:

Lascia una risposta