Bombe carta davanti a Montecitorio

26 gennaio 2012 08:180 commenti

Stamattina alcune delegazioni di pescatori si sono radunate davanti a Montecitorio per protestare contro il decreto liberalizzazioni varato dal governo, infatti le forze dell’ordine hanno cercato di allontanare i presenti dopo una raffica di bombe carta lanciate verso la camera dei deputati. Nello scontro sono state ferite cinque persone, una in particolare è stata trasportata d’urgenza presso l’ospedale San Giovanni con una sospetta frattura alla gamba, un’altra al Pronto Soccorso del Santo Spirito, mentre i restanti hanno riportato lievi contusioni.

La manifestazione è stata accesa, infatti i partecipanti al corteo hanno gridato più volte “vergogna” contro i poliziotti in tenuta anti-sommossa, i quali hanno cercato immediatamente di allontanarli dal Parlamento urlando “assassini“.


Dopo tanti botta e risposta è intervenuto un membro della delegazione che ha spiegato alla polizia che purtroppo la situazione dei pescatori è tragica e che si sta manifestando con tanta rabbia per tutelare le famiglie, visto che le istituzioni non sembrano voler risolvere i problemi più seri. Prima degli scontri la protesta sembrava procedere nel migliore dei modi, infatti le persone sfilavano per le vie della città con striscioni con scritte come “vi state mangiando anche le nostre barche“, bandiere, petardi e cori contro l’aumento del gasolio e alcuni adempimenti comunitari che hanno portato all’uso della licenza a punti e la tracciabilità del prodotto. Dalle ultime informazioni sappiamo che la Questura di Roma hanno acquisito le immagini dei momenti di maggiore tensione ripresi dalle telecamere della Polizia scientifica e ha individuato cinque persone, che potrebbero essere denunciate.






Tags:

Lascia una risposta