Bonus Bebè 2014, chi può richiederlo e come

18 febbraio 2014 17:130 commentiDi:

bambini-prematuri-malattie-metaboliche

La crisi di governo e la staffetta Letta-Renzi ha posto uno stop all’attuazione di alcuni decreti che riguardano molto da vicino i cittadini: tra questi c’è anche il Bonus Bebè per il 2014, contenuto nella Legge di Stabilità, ma ancora senza un decreto attuativo che ne definisca i dettagli. La prestazione a favore delle famiglie con figli piccoli è stata quindi bloccata a livello nazionale, rimanendo però in vigore in alcune regioni.

Nello specifico, potranno richiedere il Bonus Bebè 2014 i cittadini, italiani o stranieri se con regolare permesso di soggiorno, che risiedono in Piemonte, Toscana, Friuli Venezia Giulia e Lombardia.

Bonus Bebè 2014 Piemonte

Valido per i bambini nati o adottati dal 1° gennaio 2013 al 31 dicembre 2013, consiste nell’erogazione di un contributo di 250 euro per ogni nuovo nato da utilizzare per l’acquisto di prodotti per l’igiene e per l’alimentazione della prima infanzia.


Possono fare richiesta i genitori che hanno un reddito Isee inferiore a 38mila euro presentando tutta la documentazione necessaria alla propria ASL entro e non oltre il 30 agosto 2014.

Bonus Bebè 2014 Friuli

Per l’accesso al Bonus Bebè 2014 in Friuli valgono gli stessi requisiti del Piemonte, ma in questa regione il Bonus verrà erogato solo se si troveranno i fondi. E’ comunque possibile fare la richiesta.

Bonus Bebè 2014 Toscana

Il Bonus Bebè in Toscana è un contributo una tantum di 700 euro che può essere richiesto dai genitori con Isee inferiore ai 24.000 euro. Le domande devono essere presentate al Comune di residenza dallo scorso 1° febbraio.

Bonus Bebè 2014 Lombardia

Due i Bonus Bebè erogati in Lombardia:

Fondo Nasko per madri in difficoltà economica che rinunciano a interrompere la gravidanza, consta di un contributo di 3mila euro suddiviso in pagamenti mensili per un massimo di 18 mesi.

Fondo Cresco per le famiglie con bambini tra 0 e 12 mesi in situazioni di disagio economico, consta di un contributo fino a un massimo di 900 euro. 






Tags:

Lascia una risposta