Brunetta si sposa i precari di tutta Italia pronti a rovinargli la festa

8 luglio 2011 07:080 commentiDi:

Ieri l’insulto da parte di Tremonti, pubblicato con un video esclusivo da Repubblica.it, nel quale si può notare che durante la conferenza stampa di illustrazione della manovra, il ministro dell’Economia, attacca pesantemente il ministro della Pubblica amministrazione, Renato Brunetta:

questo è un intervento suicida”, dice Tremonti al ragioniere generale dello Stato Mario Canzio: “Il tipico intervento suicida, è proprio un cretino. “In una manovra da 35 miliardi, il pubblico impiego è allo 0,6. E’ inutile che glie ne parli, vero?”.  

Oggi la minaccia arriva da un gruppo di precari. Non c’è pace per Renato Brunetta, dopo essersi preso del “cretino” da parte di un collega della sua stessa coalizione, ora deve vedersela con il popolo del web, una cittadinanza formata dai precari di tutta Italia, che attraverso Facebook, si stanno organizzando per rovinargli il suo matrimonio, programmato per domenica prossima. 

Il tam tam sul network più affollato del mondo, sta proseguendo a ritmo serrato, da parte dei precari al fine di rovinare il matrimonio del ministro della Funzione Pubblica. La cerimonia si terrà domenica in Costiera Amalfitana ed è prevista la presenza di molti membri del governo.

In un articolo di Libero viene evidenziato come “i precari, che il ministro aveva bollato come “la parte peggiore del paese”, hanno deciso di sfruttare l’occasione per fare la festa al ministro e alla futura signora”.

Il gruppo fondato su Facebook si è denominato “Diventiamo il loro incubo”.
“Assediamo con i nostri cori e la nostra voce le loro feste. Diventiamo il loro incubo”. 

I lavoratori precari sono imbestialiti e sono pronti a tutto pur di fare un dispetto al ministro della P.A. anche di  rovinare le sue nozze con Tommasa Giovannoni detta “Titti”, previste per domenica 10 luglio a Ravallo. 

Articolo correlato: Manovra colpiti solo i meno abbienti

Ultimo aggiornamento 07 luglio 2011 ore 09,10

 

 

Tags:

Lascia una risposta