Bulgari evade il fisco per 3 miliardi di euro

14 marzo 2013 12:130 commenti

Il Gruppo Bulgari è accusato di aver evaso il fisco italiano per oltre 3 miliardi di euro. In merito a quest’accusa, al gruppo sono stati sequestrati bene mobili e immobili per un totale di 46 milioni di euro.


Un sequestro operato dai Finanzieri del comando provinciale di Roma, che stamane si sono recati presso la sede romana del gruppo, con l’accusa di dichiarazione fraudolenta. Il lussuosissimo atelier di Via Condotti a Roma figura tra i bene sequestrati. L’accusa per Bulgari è quella di aver evaso il fisco italiano dal 2006 in poi, per circa 3 miliardi di euro, mediante l’intermediazione di aziende aventi sede in Olanda e Irlanda. Tali società sono state create con il solo obiettivo di sottrarsi alla pressione fiscale del nostro Paese. I beni che risentono del provvedimento di sequestro preventivo rilasciato dal gip del Tribunale di Roma su richiesta della Procura della Repubblica si configurano in rapporti bancari, assicurazioni sulla vita e partecipazioni societarie. Vi sono poi numerosi beni immobili colpiti.

Escape Strategy

Le indagini sono scattate successivamente a numerose verifiche di natura fiscale, effettuate dal Nucleo Polizia tributaria romano. Tali indagini hanno portato in superficie una sorta di Escape strategy, come l’hanno ribattezzata gli inquirenti.






Tags:

Lascia una risposta