Caso Ilva: in manette il Presidente della Provincia di Taranto

15 maggio 2013 11:140 commentiDi:

ilva

Ancora notizie sconcertanti in merito al caso dell’Ilva di Taranto. Questa mattina è finito in manette il Presidente della ProvinciaGiovanni Florido, arrestato dalla Guardia di Finanza, con l’accusa di concussione in relazione alla gestione da parte dell’Ilva della discarica Mater Gratiae.

► Gip dà l’ok a dissequestro merci Ilva

Il caso dell’Ilva di Taranto continua, quindi, a tenere banco nella cronaca. Un’azienda crollata, una città che, a causa proprio della malagestione dell’azienda, si è ammalata e centinaia di persone che sono rimaste senza un’occupazione, senza contare i danni economici e le ripercussioni su tutto l’indotto.


Questo è quanto, purtroppo, sta emergendo da queste inchieste che continuano a gettare luce su un problema per troppo tempo rimasto nell’ombra.

Insieme al Presidente della Provincia di Taranto sono stati arrestati anche l’ex assessore provinciale di Taranto all’Ambiente, Michele Conserva, l’ex dirigente dell’Ilva, Girolamo Archinà, e l’ex segretario della Provincia di Taranto, Vincenzo Specchia.

L’accusa per loro è quella di aver permesso ai dirigenti del settore ecologia e ambiente della Provincia di Taranto di rilasciare autorizzazioni per la discarica gestita dall’Ilva nonostante non ci fossero i requisiti tecnici e giuridici.

► Presidente Ilva chiede sblocco merce

Continui così l’inchiesta che sta portando in carcere diversi esponenti politici e industriali che sta coinvolgendo tutto il territorio nazionale.






Tags:

Lascia una risposta