“Che ci importa dello Spread?” Berlusconi attacca Monti

11 dicembre 2012 13:300 commenti

Un’altra delle sue frasi ad effetto, a dimostrazione del fatto che il ‘Cavaliere’ è risceso in campo. Durante un collegamento radio con Maurizio Belpietro, Silvio Berlusconi ha affermato:

“Ma che ci importa dello spread, è un imbroglio. L’economia con Monti è solo peggiorata”.

►La candidatura di Berlusconi e i rischi per l’Italia

Che la campagna elettorale, dunque, abbia inizio. Si parla già di elezioni a Febbraio, con ogni probabilità il 17 o il 24.


Una campagna che inizia anticipatamente per un motivo “risibile”, il quale non può implicare la crisi dello Spread: “Smettiamola di parlare di questo imbroglio: cosa ci importa degli interessi sui nostri titoli rispetto a quelli sui bund tedeschi?”, dichiara Berlusconi. “Quando salì lo spread, contribuendo a far cadere il mio esecutivo, Berlino aveva ordinato a tutte le banche di vendere i buoni del Tesoro italiani, con 8-9 miliardi di vendita. Gli altri fondi hanno pensato: ‘Se la Germania vende, qualcosa ci sarà…’. E hanno ritenuto di chiedere un premio per un rischio teorico, a noi del 6%”.

►Neanche Bersani vuole Monti

“La Germania – attacca Berlusconi – ha approfittato di tutto questo e ha abbassato i tassi all’1%, a noi cosa importa? A noi importa che i nostri tassi sono aumentati del 2%, che in un anno sono 5 miliardi in più. Tutto quello che è stato inventato sullo spread è un imbroglio usato per abbattere un governo e fargli perdere la maggioranza”.

 






Tags:

Lascia una risposta