Home / News / Chiede eutanasia per la moglie in coma ma viene negata

Chiede eutanasia per la moglie in coma ma viene negata

eutanasiaMartien Van Der Burgt un olandese coniugato con Anna Busato, residente in veneto, ha chiesto l’eutanasia per la moglie, che è in fin di vita per un’emorragia celebrale. 

Ma gli è stata negata, Van Der Burgt allora, si è rivolto al suo paese d’origine, ma anche lì non la sua richiesta non è stata accolta. 

Chiede l’eutanasia per la moglie in coma da novembre, perché è una sua volontà, Anna Busato infatti l’aveva espressa con un atto scritto nel suo testamento. 

Tuttavia non riesce a trovare nessun ospedale che rispetti il  volere della donna.

Anna Busato, è italiana , è in coma ricoverata in un reparto di rianimazione presso l’ospedale di  Noale vicino a Venezia. Entro breve dovrebbe essere dimessa per rientrare a casa.

L’uomo in seguito al rifiuto da parte delle autorità sanitarie italiane a praticare l’eutanasia, si è rivolto all’Olanda, considerando il fatto, che in quello stato è consentita e che la moglie ha la doppia nazionalità.

Anche in Olanda però, non ha trovato nessuna struttura sanitaria disponibile ad accompagnare la moglie alla morte. Solo un medico ha cercato di essergli d’aiuto, ha spiegato Van Der Burgt, ma è stato bloccato dai suoi superiori per ben tre volte.

“In Italia i sanitari favorevoli all’eutanasia su pazienti terminali, sono numerosi, ma la procedura è illegale”, ha ribadito Van Der Burgt, residente in Italia da oltre undici anni.

L’Olanda ha rifiutato di praticare l’eutanasia ad Anna Busato, giustificandosi che la donna non ha alcuna copertura sanitaria, presso lo stato.

Loading...