Chiesto giudizio immediato per Parolisi

12 gennaio 2012 15:290 commenti

Nonostante i tanti appelli in cui si è sempre detto innocente, la procura di Teramo ha chiuso l’inchiesta sull’omicidio di Melania Rea chiedendo il giudizio immediato per Salvatore Parolisi, l’unico sospettato. La notizia è stata pubblicata dal quotidiano “Il centro“, secondo il quale la decisione sarebbe stata presa ieri nel tardo pomeriggio dal procuratore capo Gabriele Ferretti, perché non servirebbero altre prove che dimostrano la colpevolezza del caporalmaggiore.


L’accusa a carico di Salvatore Parolisi è di omicidio pluriaggravato e vilipendio di cadavere e secondo gli inquirenti l’uomo avrebbe agito solo, senza l’aiuto di un complice, quindi rimane fuori dai giochi Ludovica Perone, la soldatessa con la quale il marito di Melania Rea aveva allacciato una relazione extraconiugale da due anni. Stando a ciò che viene riportato dal quotidiano al caporalmaggiore sono state aggiunte come aggravanti il grado di parentela tra la vittima e l’omicida, la crudeltà dell’accaduto e la mancata difesa di Melania, che è stata colpita prima alle spalle e poi pugnalata con 32 coltellate prima di perdere completamente i sensi.

il procuratore capo Ferretti afferma che il quadro della vicenda risulta essere chiaro, infatti tutti gli indizi portano alla colpevolezza di Parolisi e il movente è da ricercarsi nella relazione del caporalmaggiore con la soldatessa. La decisione conclusiva spetta solo al  gip, Giovanni de Rensis, il quale ha 5 giorni di tempo per accettare la richiesta di giudizio immediato del procuratore Ferretti e dei sostituti Davide Rosati e Greta Aloisi.






Tags:

Nessun commento

Lascia una risposta