Città meno care in Italia secondo Altrocosumo

3 settembre 2012 15:250 commenti

Altroconsumo ha condotto un’indagine confrontando 898.000 prezzi in 950 punti vendita tra ipermercati, supermercati e discount, prendendo in considerazione più di 500 prodotti di oltre 100 diverse tipologie in ben 61 città italiane. Sulla base dei risultati di questa indagine è stata poi stilata una classifica delle città italiane, dalla meno cara alla più costosa.

Ebbene, tra le città in cui si spende meno per la spesa quotidiana troviamo ai primi posti Pisa, Firenze e Verona. A Pisa, ad esempio, la spesa media è quella più economica tra le 61 città messe sotto esame, con i suoi 5.969 euro all’anno. Seguono Firenze e Verona, con un costo annuo della spesa rispettivamente di 5.973 e 6.088 euro. Per contro, tra le città più care ci sono Catania e Aosta, rispettivamente con 6.634 e 6.739 euro.


L’indagine ha inoltre rivelato come l’aumento della concorrenza accresca la possibilità di risparmio per il consumatore, grazie al divario esistente tra il punto vendita più caro e quello più economico. Tale fenomeno è stato riscontrato in particolar modo in Toscana, Umbria, Veneto e Emilia Romagna. Al contrario, le peggiori regioni in fatto di concorrenza sono risultate essere Trentino e Valle d’Aosta.

Infine, Altroconsumo dispensa alcuni consigli per risparmiare sulla spesa quotidiana. Secondo la sua indagine, in particolare, è possibile risparmiare il 24% circa se si scelgono prodotti di marca in offerta, il 38% se si scelgono i prodotti con il marchio del supermercato e addirittura il 61% se si scelgono prodotti non di marca o se si fa la spesa al discount.






Tags:

Lascia una risposta