Class action contro Alitalia per annullamento dei biglietti

22 ottobre 2012 12:230 commenti

Lo scorso 20 ottobre numerose persone hanno acquistato sul sito Alitalia biglietti a zero euro o a prezzi stracciatissimi per colpa di un bug. In particolare, bastava andare sul sito della compagnia di bandiera, digitare la lingua giapponese e acquistare un biglietto aereo che costasse meno di 250 euro. In tal caso l’importo totale si trasformava in zero euro, tanto che non bisognava inserire neanche gli estremi della propria carta di credito, essendo sufficiente l’inserimento del nominativo dei passeggeri. Altri voli sono stati acquistati a prezzi ridicoli, ad esempio un volo per Abu dabi è costato 0,38 euro e uno per New York 25 euro. Nel giro di poche ore la notizia ha fatto il giro del web e sempre più utenti hanno acquistato biglietti per le mete più disparate.


Peccato però che Alitalia, probabilmente accortasi dell’errore, ha provveduto ad annullare tutti i biglietti acquistati a zero euro e quelli ad uno sconto eccessivo rispetto a quello del 25% previsto in origine. L’ira degli utenti non si è fatta attendere e nel giro di poche ore sui principali social network le persone che avevano acquistato uno o più biglietti annullati hanno iniziato ad esprimere il loro dissenso.

Ma per coloro che sono riusciti ad acquistare i biglietti annullati non è ancora detta l’ultima parola. Come ha spiegato l’avvocato Carlo Rienzi, fondatore e attuale presidente del Codacons, i biglietti una volta emessi non possono essere annullati, neanche nel caso in cui  siano stati acquistati a prezzi stracciati a causa di bug o errori tecnici dell’azienda. Pertanto, chi ha acquistato i titoli di viaggio potrà aderire ad una class action. L’avvocato ha inoltre aggiunto che figurano anche gli estremi per una denuncia per truffa.






Tags:

Lascia una risposta