Class action italiana contro Apple per mancata garanzia biennale

10 ottobre 2012 09:440 commenti

La notizia era nell’aria già da qualche tempo e alla fine la Federconsumatori e il Centro Tutela Consumatori e Utenti (Ctcu) di Bolzano hanno avviato una class action contro la Apple per reiterazione in riferimento al diritto di garanzia biennale.

Obiettivo della class action è “ottenere per i consumatori il risarcimento di tutti i danni conseguenti ai comportamenti passati e presenti delle aziende del Gruppo Apple”.

La class action è stata avviata per “pratiche commerciali scorrette”, dato che la Apple è viene accusata di non informare correttamente i clienti del diritto di assistenza biennale gratuita.  Non è la prima volta che la Apple finisce sotto accusa per violare le norme della garanzia legale biennale, ma la società sembra non sembra volersi adeguare alle attuali norme. Lo scorso 21 dicembre l’Antitrust aveva già condannato tre società del gruppo Apple a pagare sanzioni per quasi un milione di Euro e nonostante ciò la società di Cupertino aveva continuato con la sua pratica scorretta. Le tappe sono diverse visto che a maggio anche il Tar del Lazio aveva confermato le sanzioni. Nonostante ciò, a distanza di quasi un anno, nulla sembra essere ancora cambiato.


Qualche giorno fa la Apple era stata di nuovo accusata dalla UE di non rispettare le norme europee sulla garanzia che deve essere di due anni: la società è stata accusata di operazioni di marketing inaccettabili visto che offre gratuitamente la garanzia di un anno e che obbliga di fatto il cliente a pagare la garanzia a partire dal secondo anno.

Viviane Reding, Commissario alla Giustizia dell’Unione Europea, ha deciso di intervenire esortando i paesi membri dell’Ue a vigilare sulla questione. Vedremo come si evolverà la situazione, ma di certo i clienti Apple non sembrano fermarsi di fronte a nulla: nonostante tutto le vendite continuano a impennarsi trainati dall’uscita del nuovo iPhone 5. 






Tags:

Lascia una risposta