Home / News / Compenso Benigni I 10 comandamenti: facciamo due conti

Compenso Benigni I 10 comandamenti: facciamo due conti

Record di ascolti anche per la seconda serata de I 10 comandamenti. E ora è tempo di bilanci: quanto hanno pagato il comico toscano per questo speciale appuntamento? Ma, visti i risultati è anche il caso di chiedersi: quanto ha guadagnato la Rai da queste due serate? La polemica è stata sollevata dai 5 Stelle e, soprattutto, da Roberto Fico in qualità di presidente della commissione di Vigilanza Rai. Il programma è stato visto quasi da 10 milioni di spettatori con il 33% di share.

Fico in un post su Facebook alla vigilia della messa in onda aveva acceso la miccia: “Le serate sono prodotte dalla Melampo, società fondata da Benigni con la moglie Nicoletta Braschi e organizzate da Lucio Presta, manager di Benigni che si occuperà della produzione esecutiva con la sua Arcobaleno tre. Situazione che non potrebbe verificarsi con il nuovo contratto di servizio che, da maggio, non è ancora stato firmato dal ministero dello Sviluppo Economico“. Se si fa un discorso prettamente contrattuale quindi Fico ha ragione. Ma dal punto di vista economico è convenuto alla Rai investire nelle due serate di Benigni?

Pare che il cachet sia stato di 4 milioni di euro totali, di cui 2,4 per lo show ‘I Dieci Comandamenti’, e 1,6 destinati invece a una futura trasmissione in seconda serata sulla Divina Commedia. Ma l’azienda di viale Mazzini, pur non essendo stata completamente trasparente su questo punto, ha smentito queste indiscrezioni e anche il manager di benigni parla di cifre molto lontane dalla realtà. E allora perché non fornire le cifre ufficiali? Certo questi numeri non sono in linea con la politica di spending review imposta dal Governo alla Rai (vedi il taglio di 150 milioni di euro) ma una cosa è certa: aldilà di quanto dalla Rai hanno pagato Benigni, gli italiani sono più contenti di corrispondere il canone se il livello culturale delle trasmissioni mandate in onda è questo. per non parlare poi degli introiti pubblicitari che uno share pari ad oltre il 33% è in grado di garantire. Benigni quindi è sicuramente costato alla Rai, e si sa che più bravi si è, più si costa, ma altrettanto certamente l’investimento ha portato con sè un margine elevato di guadagno. Nei prossimi giorni provvederemo a quantificarlo.

BENIGNI RAI: LE SOLITE POLEMICHE SUL CACHET

Loading...