Comprare il Parmigiano Reggiano danneggiato dal terremoto

5 giugno 2012 14:580 commenti

Tra i danni provocati dalle forti scosse di terremoto che hanno colpito l’Emilia Romagna figura anche il danneggiamento di oltre 300.000 forme di Parmigiano Reggiano e di circa 100.000 forme di Grana Padano, i due formaggi simbolo del made in Italy e conosciuti in tutto il mondo. A seguito del crollo delle cosiddette “scalere” (gli scaffali su cui le forme di formaggio vengono messe a stagionare) sono stati recuperati circa 12 milioni di chili di Parmigiano Reggiano, che possono essere acquistati a prezzi scontati, soprattutto grazie all’intervento di Coldiretti e Campagna Amica.

PRODUZIONE PARMIGIANO REGGIANO COLPITA DAL SISMA

L’obiettivo è quello di arginare i danni ed evitare di accumulare perdite su perdite attraverso un’iniziativa che conviene sia alle aziende produttrici, che potranno recuperare parte dei soldi persi evitando di buttare le forme danneggiate, sia ai clienti, che potranno acquistare il formaggio a prezzi scontati.


Il prezzo di vendita viene stabilito dai singoli caseifici di produzione, tuttavia secondo le ultime rilevazioni il Parmigiano Reggiano 14 mesi viene venduto a 11,5 euro al chilo in pezzi da 500 grammi o da un chilo; il parmigiano reggiano 27 mesi viene venduto a 13,00 euro al chilo in pezzi da 500 grammi o da un chilo; la crema spalmabile a 11,00 euro al chilo in confezioni da 250 grammi.

MAPPA DEL RISCHIO SISMICO DEVE ESSERE AGGIORNATA SECONDO CLINI

Per acquistare il Parmigiano Reggiano è possibile inviare un’email all’indirizzo filieracorta@arci.it, qualora si tratti di richieste di singole persone o famiglie, oppure contattare l’azienda agricola biologica Casumaro Maurizio all’indirizzo elisa.casumaro@yahoo.it, qualora di tratti di richieste di gruppi, enti o associazioni.

In alternativa è possibile recarsi presso uno dei caseifici che si occupano della vendita del Parmigiano “recuperato”. Informazioni al riguardo possono essere richieste all’indirizzo terremoto@coldiretti.it.






Tags:

Lascia una risposta