Confermato sciopero farmacie 26 luglio 2012

25 luglio 2012 11:220 commenti

È stato confermato lo sciopero delle farmacie proclamato per giovedì 26 luglio 2012. Si tratta di uno sciopero su scala nazionale indetto da Federfarma contro la Spending review e da quanto anticipato, aderiranno allo sciopero circa l’80% delle 297 farmacie private. Naturalmente sarà garantito il servizio minimo durante la giornata, con l’apertura delle farmacie di turno. La protesta scatta contro i tagli alla sanità varati pochi giorni fa dal Governo.

Solo secondo le stime di Federfarma Genova gli effetti dei tagli saranno immediati, dal taglio del Cup alla riduzione del turno nei giorni festivi dal taglio alle disponibilità di magazzino alla perdita di 170 posti di lavoro (pari al 10% dell’attuale occupazione diretta).


La manovra varata dal Governo prevede anche l’ulteriore aumento dello sconto obbligatorio che le farmacie private già applicano al Ssn e un calo del 2% della spesa per la farmaceutica territoriale convenzionata che passerà dal 13,3% all’11,5%. La spesa farmaceutica ospedaliera vedrà il tetto di spesa alzarsi dal 2,4% al 3,2%. Secondo Giuseppe Castello, presidente di Federfarma Genova, i tagli sono stati indiscriminati e sbagliati: i tagli sono stati applicati alla farmaceutica territoriale che ha sempre fornito una documentazione precisa dei conti al contrario della spesa farmaceutica ospedaliera dove esistono sprechi conclamati.

SCIOPERO DELLE FARMACIE PROPOSTO DA FEDERFARMA

E nonostante ciò è il settore che ha ricevuto maggiori sovvenzioni. Si tratta del primo atto formale di protesta contro le misure che aggraveranno una situazione economica già compromessa a causa dei tagli continui già effettuati nel settore in questi anni. Con la manovra varata diventa rischioso il servizio farmaceutico per i cittadini con inevitabili conseguenze sull’occupazione. “La farmacia italiana rispetta da anni il tetto di spesa programmato. Gli sprechi della sanità sono altrove” sottolinea in una nota Annarosa Racca, presidente di Federfarma.






Tags:

Lascia una risposta