Contributo di 200 euro per i permessi di soggiorno

3 gennaio 2012 08:250 commenti

Sempre in tema di nuove tasse, a partire dal 30 gennaio 2012 arriverà una stangata per gli immigrati regolarmente soggiornanti in Italia, infatti il Ministro dell’Economia ha introdotto un contributo a carico degli stranieri che rilasciano o richiedono il permesso di soggiorno. Sul sito “stranieri in Italia” si legge che il contributo era già stato previsto per il 2009, ma è stato convalidato solo il 6 ottobre 2011 dagli allora ministri dell’Interno Roberto Maroni e dell’Economia Giulio Tremonti.


Il nuovo contributo si andrà quindi ad aggiungere ai 14,62 euro per la marca da bollo, alle 30 euro di spese postali e ai 27,50 euro per il costo del permesso di soggiorno elettronico e varierà a seconda del tipo di permesso richiesto. Dalle tabelle in nostro possesso possiamo vedere che la tassa sarà di 80 euro se la validità del permesso è compresa fra 3 mesi e un anno (lavoro stagionale), 100 euro se il permesso è superiore ad un anno e inferiore o pari a due anni e di 200 euro se non esiste scadenza.

Il contributo però non riguarderà minorenni, stranieri che entrano nel nostro paese per sottoporsi a cure mediche, coloro che richiedono asilo politico e per motivi umanitari, oppure dalle persone che chiedono l’aggiornamento o la conversione del documento. I fondi recuperati serviranno allo Stato per finanziare il Fondo rimpatri e gli sportelli unici per l’immigrazione. Sempre sulla Gazzetta Ufficiale viene toccato l’argomento dei rimpatri volontari e assistiti e si rivolge a tutti quegli stranieri che per tanti motivi desiderano tornare in modo spontaneo e volontario al proprio Paese d’origine reinserendosi nella comunità grazie all’aiuto di alcune associazioni.






Tags:

Lascia una risposta