Costa Concordia, Schettino in aula a Grosseto

15 ottobre 2012 12:590 commenti

Riprende oggi al Teatro Moderno di Grosseto la maxi udienza per l’incidente probatorio sulla scatola nera della Costa Concordia, la nave da crociera naufragata il 13 gennaio scorso davanti all’Isola del Giglio in cui hanno perso la vita 32 persone.

Presente per la prima volta in aula anche il comandante della nave, Francesco Schettino, seduto accanto ai suoi avvocati che è entrato in aula attraverso una porta secondaria. Poco prima dell’inizio dell’udienza, un passeggero della nave è salito sul palco per salutare e stringere la mano a Schettino e i due uomini si sono scambiati qualche parola.

Secondo i passeggeri presenti quella notte del 13 gennaio, la manovra di Schettino non è stata l’unica causa reale della tragedia che si è consumata davanti all’Isola del Giglio. Nessuno nega le responsabilità dell’ex comandante, ma tutti sono certi che ci siano “colpe di cui qualcuno dovrà rispondere”. Si riferiscono alle responsabilità della Costa Crociere che tutti ritenevano una società affidale e al fatto che dalla scatola nera emergono particolari che evidenziano come qualcosa non abbia funzionato.


SCHETTINO IMPUGNA IL LICENZIAMENTO INTIMATO DA COSTA CROCIERE

Intanto il Codacons ha pubblicato un video della scatola nera in cui si vede chiaramente il comandante Schettino dire chiaramente “Amma fa n’inchino al Giglio”. Durante il processo saranno allestiti tre maxi schermi per poter proiettare i video e gli audio della perizia sulla scatola nera. Oltre a Schettino, nell’udienza ci sono anche altri 9 indagati, fra ufficiali di plancia e personale di Costa Crociere. Anche loro dovranno rispondere di tutte le accuse contenute nella perizia che è stata redatta dal collegio di periti nominato dal gip di Grosseto, Valeria Montesarchio. L’udienza potrebbe durare dai 3 ai 6 giorni: al momento il gip ha stabilito come certe le giornate di oggi, martedì 16 e mercoledì 17 ottobre.






Tags:

Lascia una risposta