Crolla trave di Villa dei Misteri a Pompei

8 settembre 2012 15:270 commenti

Ennesimo, rovinoso crollo negli scavi archeologici di Pompei, già dichiarati Patrimonio Mondiale dell’Umanità dall’Unesco  nel 1997: nella notte è crollata una trave in legno di circa 5 metri del peristilio di Villa dei Misteri.

La trave caduta sosteneva il tetto in tegole del peristilio della villa che, secondo gli esperti, non rischia il crollo.

La trave in questione era stata collocata a seguito di uno degli interventi di restauro in atto nella Villa e su ciascuna delle travi poste erano state collocate delle tegole in terracotta a formare il tetto della struttura stessa.  Il crollo è avvenuto in una zona aperta al pubblico, poco prima della riapertura al pubblico e al momento è stata chiusa: ad accorgersi di quanto accaduto sono stati i custodi in uno delle loro perlustrazioni notturne.

Antonia Pasqua Recchia, segretario generale del Mibac rassicura che il crollo “Non ha prodotto danni ai beni archeologici” spiegando che la struttura crollata appartiene a un intervento recente e che non ha arrecato danno agli affreschi o alle decorazioni della Villa. Il cedimento tra l’altro sarebbe stato causato dalle piogge di questi giorni.

Villa dei Misteri è una delle più ampie e celebri domus di Pompei risalente al II secolo avanti Cristo sul pendio verso il litorale, già ristrutturata verso il 60 avanti Cristo e poi nel I sec. dopo Cristo.

CROLLA DOMUS DEI GLADIATORI

La ricca domus, luogo di villeggiatura fuori città, comprende anche una zona residenziale, affacciata al mare ed è magnificamente decorata. Intanto il segretario MiBac ha poi assicurato che “Il Grande Progetto Pompei va avanti”. I lavori di restauro (anche di cinque domus) che dovevano iniziare a luglio sono slittati a ottobre non appena sarà completato il lavoro di “consolidamento idrogeologico”.

Tags:

Lascia una risposta