Detenuto suicida nel carcere di Teramo

3 febbraio 2012 16:310 commenti

Ieri pomeriggio un detenuto di origini siciliane si è tolto la vita tra le mura del carcere di Castrogno, a Teramo. La notizia è stata diffusa da fonti esterne alla struttura carceraria e secondo le prime ricostruzioni l’uomo avrebbe tagliato alcune strisce del lenzuolo del suo letto, le avrebbe fissate alle sbarre della finestra e si sarebbe lasciato cadere da una sedia.

La tragedia si è consumata intorno alle 17, ma il compagno di cella dice di non essersi accorto di nulla, infatti quando è stato dato l’allarme il detenuto era già morto. La vicenda ha dell’incredibile, perché gli inquirenti non riescono a capire come sia possibile non accorgersi che il proprio compagno di cella si sia suicidato a pochi metri di distanza, infatti proprio per questi motivi verranno fatti i dovuti accertamenti.

Il tempestivo intervento degli agenti di polizia penitenziaria e’ stato provvidenziale invece la scorsa notte per salvare invece la vita di un altro detenuto finito in carcere per spaccio e detenzione di stupefacenti.  Anche in questo caso il recluso aveva tentato il suicidio utilizzando dei lembi di tessuto fissati alle sbarre, ma per fortuna gli agenti sono intervenuti e hanno strappato dalle sbarre il giovane per soccorrerlo. Al momento il 20enne è fuori pericolo di vita, ma non sono ben chiare le dinamiche della vicenda, perchè il ragazzo non ha voluto spiegare agli inquirenti le ragioni che lo hanno portato al clamoroso gesto.

Tags:

Lascia una risposta