Dettagli riforma della scuola 2015

3 settembre 2014 11:130 commentiDi:

scuola-media

Arrivano finalmente i dettagli sulla nuova riforma della scuola 2015, uno degli argomenti più caldi del momento, dato che siamo ormai all’inizio dell’anno scolastico e la maggior parte degli insegnanti ha già ripreso il lavoro. I dettagli sono stati presentati da Matteo Renzi in persona, il Presiedente del Consiglio, che ha riassunto il piano di riforma in un video di alcuni minuti pubblicato su passodopopasso.italia.it. 

Ricomincia la scuola, il calendario Regione per Regione

Il piano del governo prevede in primo luogo un ripensamento della funzione sociale della scuola, che dovrà diventare per la prima volta il motore della crescita del paese nei prossimi 20 anni. Per fare questo, già con la Legge di Stabilità 2015 verranno destinati più fondi all’istruzione, in modo tale da compiere i primi passi della riforma La buona scuola nel corso del prossimo anno.


La riforma della scuola slitta ma c’è confusione sui tempi

I primi provvedimenti normativi, dunque, saranno presi a partire da gennaio 2015, ma nei prossimi due mesi, dal 15 settembre al 15 novembre, sarà attiva una campagna nazionale di ascolto di tutte le voci coinvolte in questa operazione, compresa quella degli studenti.

In merito ai dettagli già noti del piano di riforma della scuola 2015, il governo pensa ad una azione raccolta attorno a 12 punti principali. Ecco quali sono i più rilevanti:

  • ci sarà l’attuazione di un piano di assunzione per 150 mila docenti a settembre 2015
  • il reclutamento avverrà solo per concorso a partire dal 2016
  • si procederà all’assunzione di 40 mila giovani qualificati entro il 2019
  • saranno eliminate le supplenze e le cattedre vacanti, affidate invece ad un team stabile di docenti
  • le progressioni di carriera e stipendio saranno basate sul merito
  • la formazione continua per gli insegnanti sarà obbligatoria
  • spazio a carriera, aggiornamento e merito, ma anche a nuova alfabetizzazione, digitalizzazione e contatto con il mondo del lavoro.





Tags:

Lascia una risposta