Dimezzate le auto blu in Italia

9 dicembre 2011 13:151 commento

Il Dipartimento della Funzione Pubblica, con la collaborazione tecnica di Formez, ente della presidenza del Consiglio e del dipartimento della Pubblica Amministrazione, ha attuato il taglio della spesa della Pubblica Amministrazione attraverso l’ennesimo censimento, avviato in questi giorni, sulle cosiddette auto “blu” e sulle auto “blu e grigie” per verificare l’attuazione del decreto del 3 Agosto scorso, che ha introdotto forti limitazioni e prevede, entro tre anni, la riduzione del 70% delle auto “blu blu” e il dimezzamento delle circa 10.000 auto “blu” presenti sul territorio nazionale.

La gamma dei colori sopra citata dipende dall’uso destinato alle vetture: quelle di rappresentanza, le “blu blu”, che sono destinate agli eletti, quelle non esclusive ma sempre di rappresentanza, le “blu”, per i vertici delle amministrazioni e quelle del servizio operativo, le “grigie”, a disposizione degli uffici. L’obiettivo finale è quello di un pesante ridimensionamento delle vetture che compongono questo universo.

Il censimento è obbligatorio per tutte le amministrazioni, sia quelle centrali sia quelle locali, inserite nel conto economico della Pubblica Amministrazione, mentre non si applica a quelle che utilizzano non più di una autovettura e alle autovetture adibite ai seguenti servizi: operativi e di tutela dell’ordine e della sicurezza pubblica, della salute e incolumità pubblica, della sicurezza stradale, della difesa e della sicurezza militare; nonché ai servizi ispettivi relativi allo svolgimento di funzioni di carattere fiscale e contributivo.

Sono previste sanzioni amministrative per i dirigenti e i responsabili che non si adegueranno alla norma precedentemente citata e si ipotizza un risparmio di circa novecento milioni di euro determinato anche dai tagli previsti al personale, alla manutenzione e ai carburanti nonché ai costi accessori.

Questo risparmio non sarà tangibile per intero a causa della riutilizzazione del personale, ma lo sarà il colpo inflitto alla Casta attraverso l’attuazione della nuova norma.

Tags:

1 commento

  • Non è possibile che i sacrifici siano fatti solamente da chi non appartiene alla casta politica e guadagna con il sudore della fronte.
    In 74 anni non ho mai vissuto una manovra più squilibrata ed ingiusta.
    Ci rendiamo conto che si stanno creando le condizioni per una rivoluzone?
    Perchè i poveri mortali debbono essere pesantemente ed immediatamente vessati da nuove spese mentre le amministrazioni pubbliche forse nel 2015 inizieranno a ridurre le loro prebende che pesano sul groppone dei mortali lavoratori italiani e non.
    Il dimezzamento delle auto blu (se mai sarà effettivamente eseguito) non risolve alcun problema vero!

Lascia una risposta