Disoccupazione giovanile sale al 30,1%

5 gennaio 2012 10:060 commenti

L’Istat ha appena diffuso dei dati provvisori allarmanti in cui emerge che il tasso di disoccupazione giovanile è salito al 30,1%, cioè il dato più alto registrato dal gennaio 2004 e questo significa che circa 1 italiano su tre in età compresa tra i 15 e i 24 anni si trova senza un’occupazione.

Per quanto riguarda il tasso di disoccupazione generico si parla dell’8,6%, quindi si è verificato un aumento di 0,1 punti percentuali rispetto ad ottobre. Se si valuta il terzo trimestre del 2011 c’è stata una brusca impennata, infatti il tasso di disoccupazione è pari al 7,6% ossia un decimo di punto in più rispetto all’anno precedente, mentre la situazione dei giovani dai 15 ai 24 anni è passata dal 24,7% al 26,5%.


Si sfiorano livelli record anche per quanto riguarda la disoccupazione di lunga durata, che dura quindi da oltre 12 mesi, infatti nel terzo trimestre del 2011 si toccano punte del 52,6% rispetto al 50,1% registrato il terzo trimestre del 2010. I dati dimostrano senza ombra di dubbio che negli ultimi anni la situazione è lievemente peggiorata e che reinserirsi con successo nel difficile mercato del lavoro sta diventando per molti italiani un’impresa sempre più ardua. Dalle ultime analisi si stima che si trovano senza un’occupazione circa 2.142.000 persone e che  c’è stato un lieve rialzo di o,7 punti percentuali per quanto riguarda la componente femminile.






Tags:

Lascia una risposta