E’ morto Peter Falk il tenente Colombo

25 giugno 2011 08:040 commentiDi:

Il tenente Colombo ha concluso la sua ultima indagine.  L’attore Peter Falk è morto giovedì, all’età di 83 anni, da circa tre anni era stato colpito dal morbo di Alzheimer.

Qualche anno fa, le foto che lo ritraevano a Los Angeles, non lontano dalla villa di Beverly Hills, disorientato e in stato confusionale, sporco in viso e con abiti sporchi, avevano fatto il giro del mondo, rattristando i milioni di fan che lo seguivano nelle sue avventure 

Colombo, con il suo cane basset hound, la sua Peugeot e la sua invisibile moglie, era diventato un mito internazionale. Peter Falk è deceduto giovedì, a Beverly Hills. 

Peter Falk era nato a New York il 16 settembre 1927, da padre polacco e madre russa, ebrea, seppur diplomato in ragioneria aveva immediatamente tentato le vie del cinema. 


Peter Falk, quindi, si presentò alla Columbia Pictures ma venne respinto a causa del suo difetto all’occhio, (dovuto alla protesi oculare che portava dall’età di tre anni, da quando gli fu asportato l’occhio destro per un tumore), quello strabismo che lo rese popolare in tutto il mondo. Un successo costante in 26 territori. Falk vinse 4 Emmy e un Golden Globe per “Il tenente Colombo”. 

Ma Falk ottenne, anche, due nomination all’Oscar come attore non protagonista nel 1961 e nel 1962, rispettivamente per “Angeli con la pistola” e «Sindacato assassini”. 

Eccezionale l’intepretazione ne “Il cielo sopra Berlino” di Wim Wenders del 1987, dove l’attore interpretò se stesso. 

Richard Levinson e William Link, i creatori di Colombo, spiegano:  “Falk era unico, un’altra specie rispetto alle altre star della televisione”.

Per come si mostrava, “inespugnabile nella forte interpretazione di Colombo” e la serie acquisiva sempre più lettere di nobiltà. Gli autori amavano questo muso strano. John Cassavetes, regista, adorava il personaggio al punto di invitarlo a sei riprese delle sue creazioni “The Husbands”, i mariti. 

Ultimo aggiornamento 25 giugno 2011 ore 10,00






Tags:

Lascia una risposta