Home / News / Eboli, suicida salvata per miracolo dal marito

Eboli, suicida salvata per miracolo dal marito

Incredibile vicenda a Eboli. Una donna, nella giornata di ieri, ha tentato di suicidarsi gettandosi dalla finestra dell’ufficio in cui lavorava. Secondo una prima ricostruzione degli inquirenti alla base del gesto della donna ci sarebbe una grave forma di depressione e disagio generata dallo sconforto per i cambiamenti sulla normativa pensionistica introdotti dalla tanto contestata riforma Fornero sulle pensioni. In particolare, stando appunto alle indiscrezioni, l’innalzamento dell’età minima per accedere alla pensione, sarebbe stato interpretato come una sciagura dalla stessa donna e da qui appunto la decisione di suicidarsi nello stesso ufficio in cui per decenni ha lavorato.

Il tentativo della donna però è andato a vuoto perchè il destino ha voluto che nel punto esatto in cui l’aspirante suicida è precipitata ci fosse proprio suo marito. La presenza del coniuge ha attenuto l’impatto del corpo della donna con il suolo consentendo all’aspirante suicida di salvarsi.

La coincidenza della presenza del marito proprio nell’area sottostante all’ufficio della donna si spiega con il fatto che l’uomo lavorasse appunto nello stesso stabile della donna. Le condizioni dei due coniugi non sono gravi nonostante chiaramente entrambi abbiano riportato delle ferite. Ad ogni modo pero, la donna che voleva farla finita per protestare contro le ingiustizie della Legge Fornero si è salvata. I due coniugi hanno praticamente mantenuto fede alle promesse fatte sull’altare.

Oggi l’uomo che ha salvato con il suo corpo la moglie è ricoverato in ospedale a Battipaglia mentre la donna è presso il nosocomio della sua città Eboli. Sulla vicenda sono comunque ancora in corso le indagini da parte degli inquirenti per la ricostruzione precisa dell’esatta dinamica di un fatto di cronaca che ha davvero dell’incredibile.

Statisticamente, infatti, le possibilità che potesse essere un epilogo di questo tipo a un tentativo di suicidio, sono davvero basse. Ad Eboli, ieri, invece si sono smentite tutte le statistiche a riguardo.

Loading...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *