Home / News / Epifania 2016: la tradizione della calza si rinnova in tutta Italia

Epifania 2016: la tradizione della calza si rinnova in tutta Italia

Il 6 gennaio è il giorno della venuta dei Re Magi – in Spagna si festeggia l’avvento dei re Magi che portano i doni al Bambin Gesù, da qui la tradizione dei regali nel Paese iberico – o anche dell’Epifania, o ancora, in una versione più pagana, della Befana, la simpatica streghetta che nella notte del 5 gennaio infila dolciumi – o carbone – nelle calze appese alle finestre. E proprio quella della calza è una tradizione che si rinnova anche quest’anno, con il 45% delle famiglie italiane che appenderanno la calza in attesa della befana. 

Una larga parte degli italiani, dunque, vuole credere ancora alla sempreverde tradizione della calza appesa nel giorno della befana, c’è un 13% che invece preferisce altri tipi di regali – la calza della Befana è un evento molto sentito nel nord Italia e non si regalano solo dolciumi – mentre una ancora più sparuta minoranza non festeggia l’avvenimento oppure non ha semplicemente figli a casa. Sono questi i dati riportati da Coldiretti e Ixè, che hanno analizzato le abitudini degli italiani per l’Epifania.

Ma cosa metteranno le famiglie italiane nella calza della Befana? Secondo gli ultimi report si tende a sostituire i dolci e il carbone di zucchero con altri prodotti ben più naturali: il motivo è la rappresentazione favolistica della ricorrenza della befana, il simbolo della morte e della rinascita della Natura dopo il solstizio d’inverno, con la Natura stessa che si trasformava in vecchietta pronta a farsi bruciare per ricominciare il proprio ciclo – ovviamente solo dopo aver consegnato i doni.

Una tradizione questa che è ancora attiva nel nord Italia e che va a simboleggiare proprio questo mito di morte e rinascita naturale. Caramelle e bon-bon sono comunque ancora tra i prodotti preferiti dalle famiglie, quindi anche per quest’anno i bambini potranno aspettarsi tante ghiottonerie e un pizzico di carbone, giusto come promemoria per essere buoni anche nell’anno che verrà.

Loading...