Etichetta sugli pneumatici da novembre 2012

30 aprile 2012 14:060 commenti

A partire da novembre di quest’anno gli pneumatici saranno obbligatoriamente contraddistinti da un’etichetta imposta dall’Unione europea e che dovrà indicare per ciascuno di essi tre distinti parametri, ovvero: risparmio di carburante, aderenza sul bagnato e rumore esterno di rotolamento. Le prime due caratteristiche verranno indicate in maniera simile alla valutazione attualmente in uso per indicare la classe energetica degli elettrodomestici, quindi verranno contrassegnati con la lettera “A” gli pneumatici aventi le migliori prestazioni e con la lettera “G” quelli che invece presentano le peggiori prestazioni. Il terzo parametro, quello della rumorosità, verrà invece espresso in decibel, valore che sarà affiancato dalla raffigurazione di una, due o tre onde sonore, a seconda del grado di rumorosità.

VOLKSWAGEN UP! 5 PORTE PREZZO


Inutile dire che al fine di ottenere la migliore pagella tutti i principali produttori di pneumatici hanno affidato ai loro tecnici e ricercatori il compito di testare e sperimentare nuovi materiali e disegni di battistrada capaci di migliorare la performance del prodotto. Ma c’è chi è già avanti: si tratta di Continental che ha deciso di anticipare i tempi presentando già a marzo il suo primo pneumatico dotato di etichetta europea.

CITROEN CS4 RACING AL SALONE DI GINEVRA 2012

Tuttavia, secondo il direttore di Assogomma Fabio Bertolotti, perché questa mini rivoluzione produca effetti positivi è necessario che vengano effettuate delle puntuali verifiche anticontraffazione, sia per tutelare la sicurezza e gli acquisti dei consumatori che per difendere gli enormi investimenti fatti periodicamente dalle aziende del settore. Lo stesso Bertolotti, inoltre, ha spiegato che acquistare un pneumatico che presenta un’ottima “pagella” è inutile se gli italiani non riusciranno ad eliminare definitivamente quello che è considerato un loro grave vizio, ovvero circolare con le ruote sgonfie, una cattiva abitudine che oltre ad incidere sulla sicurezza comporta un maggior consumo di carburante (dal 3% al 15% in più).






Tags:

Lascia una risposta