Ex precario di Montecitorio fa tremare il mondo politico

17 luglio 2011 16:370 commentiDi:

Detto e fatto. Il taglio alla politica: il licenziamento dei dipendenti precari.

E’ un avatar soprannominato “Spidertruman”, il suo profilo è su Facebook. E’ un ex precario di Montecitorio, dove vi ha prestato servizio per ben 15 anni, oggi, invece, anche lui è entrato a far parte dell’infinita cerchia dei disoccupati.

E’ arrabbiatissimo e dopo 15 anni di esperienza a Montecitorio, lui sa proprio tutto, conosce i vizi e i segreti dei politici e ora ha deciso di renderli noti, pubblicandoli su Facebook.

Finte scorte, furti fasulli per ottenere rimborsi, minacce inesistenti per ottenere l’auto blu, viaggi gratis per amici e parenti, sconti giganteschi e stipendi elencati uno ad uno per mettere a nudo i privilegi della politica.

Il “Wikileaks” italiano è pronto a far tremare il Palazzo con le molteplici rivelazioni sulla vita quotidiana dei deputati, l’ex anonimo precario ha deciso di vendicare il suo licenziamento.

Fa un elenco ben dettagliato del comportamento del politico italiano, fornendo molte descrizioni. Ma c’è anche chi gli chiede come mai abbia deciso di parlare solo adesso e non abbia mai denuciato il sistema prima, quando veniva stipendiato dallo stesso mondo che ora ha deciso di attaccare.

L’ex dipendente di Montecitorio spiega i viaggi aerei gratis dei quali beneficiano i nostri politici e le loro famiglie, i finti furti dei pc per averne il rimborso, gli sconti sulle auto di lusso, barbieri strapagati e poliziotti costretti a fare da autisti notturni. E c’è anche chi si auto spedisce proiettili per ottenere la scorta.

Sono tutte cose da provare ma l’avatar Spidertruman garantisce che non si farà attendere.

Spidertruman in poche ore ha superato i quarantamila fan, e questo arriva giusto, poco dopo, che il ministro dell’Economia aveva promesso i tagli alla politica, dei quali nella nuova manovra finanziaria non vengono menzionati e la sfiducia nelle istituzioni serpeggia in tutte le direzioni.

Ultimo aggiornamento 17 luglio 2011 ore 18,35

Tags:

Nessun commento

Lascia una risposta