Festivalbar: morto Demis Roussos, lo vinse nel 1971

Sabato scorso nella notte è morto ad Atene Artemios Ventouris, in arte Demis Roussos. Se ne va un grande della musica non solo greca ma di tutta Europa.

Rendiamo omaggio a questa storica figura del panorama musicale degli anni Settanta ripercorrendo le tappe della sua carriera, ricordando la sua discografia e i più grandi successi.

Ma vi sveleremo anche una curiosità sulla sua vita privata che forse non tutti i fan, soprattutto tra i più giovani, conoscono.

Il cantante greco negli anni Settanta aveva raggiunto fama internazionale tanto che in Italia vinse nel 1971 il Festivalbar con il pezzo We Shall dance. Da allora è sicuramente passato tanto tempo ma i nostri padri sicuramente ricorderanno l’affermazione di quello strano greco che fece impazzire non poche donne italiane.

La canzone Race to the end è invece quella del suo reportorio rimasta più nella storia soprattutto dopo essere stata scelta come colonna sonora portante del film “Momenti di gloria”.

A dare la notizia su internet è stato l’amico Nikos Aliagas, tra i protagonisti della versione francese di The Voice che in un tweet ha salutato il cantante scomparso.

 

Biografia di Demis Roussos

Demis Roussos era nato ad Alessandria D’Egitto il 15 giugno del 1946. Muove i primi passi negli Aphrodite’s Child con i Vangelis.

Fa seguito la carriera da solista: viene oggi riconosciuto come un precursore della World Music.

Tra i suoi pezzi diventati famosi all’estero e passati dalle radio italiane ricordiamo “It’s five o’clock”, “Rain and tears”, “Spring Summer winter and fall” e “forever and ever”.

Quest’ultima ha scalato le classifiche delle hit parade in molti paesi in tutto il mondo.

Nella sua vita privata non mancano episodi di paura come quando nel 1985 rimase due giorni sull’aereo della Twa dirottato dagli hezbollah.

Roussos fu tra i passeggeri liberati in cambio della consegna di uno dei due dirottatori.

Doveva ancora compiere 70 anni: si è spento all’età di 68 anni e la musica lo piange in tutto il mondo.

 

Loading...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *