Probabile chiusura di uno stabilimento Fiat in Italia

4 luglio 2012 08:470 commenti

L’attuale andamento del mercato dell’auto in Italia, che viaggia sui livelli del 1979 con 1,4 miliardi di auto, potrebbe portare Fiat a chiudere uno degli stabilimenti presenti sul territorio nazionale. Ad avanzare questa ipotesi, seppur in maniera indiretta, è stato Sergio Marchionne nel corso di un suo intervento a margine della presentazione della 500L a Torino. Il manager ha infatti affermato che se si tiene conto dei numeri del mercato, in Italia c’è almeno uno stabilimento extra.

PUBBLICITÀ FIAT CHE PROMETTE BENZINA A 1 EURO INGANNEVOLE SECONDO ALTROCONSUMO


L’unica via d’uscita per evitare che la casa automobilistica torinese sia costretta a chiudere uno dei suoi stabilimenti in Italia è quella di utilizzare gli asset per esportare in America, dal momento che allo stato attuale, viste le previsioni negative, risulta difficile sperare in un miglioramento a livello europeo. Lo stesso Marchionne ha affermato che a suo avviso la situazione non migliorerà nel corso dei prossimi 24-36 mesi. Ma questa non è la prima volta che l’amministratore delegato di Fiat parla della chiusura degli stabilimenti come soluzione al problema della sovracapacità: lo scorso anno aveva addirittura parlato della chiusura di due stabilimenti in Italia se non si fosse riusciti ad utilizzarli per esportare negli USA.

FIAT CONDANNATA AD ASSUMERE 145 LAVORATORI FIOM

Nel frattempo i legali del Lingotto depositeranno oggi il ricorso contro la sentenza pronunciata nei giorni scorsi dal Tribunale di Roma e che impone a Fiat l’assunzione a Pomigliano di 145 operai iscritti alla Fiom. Al riguardo, Marchionne ha affermato che in sede di assunzione dei lavoratori nel passaggio dalla vecchia Pomigliano alla Newco non c’è stata alcuna discriminazione, semplicemente sono stati assunti i lavoratori considerati migliori in relazione al lavoro che dovevano svolgere. Il manager ha inoltre affermato che l’assenza di discriminazione emerge anche se si guarda ai numeri, dal momento che nel corso del 2010 sono stati assunti 20 lavoratori Fiom.






Tags:

Lascia una risposta