Figlio di Sarkozy rimpatriato sul volo di Stato

2 febbraio 2012 10:210 commenti

È bufera sul presidente francese Nicolas Sarkozy.

Pierre Sarkozy, 26 anni (nato dal primo matrimonio del presidente con Marie Dominique Culioli) in arte Dj Mosey, si trovava ad Odessa per lavoro, ma prima di uno show si è sentito male (era il 25 gennaio) a causa di un’intossicazione alimentare.

Il sindaco di Odessa ci tiene a sottolineare che il rampollo di Sarkozy abbia contratto l’intossicazione a Praga, prima di arrivare a Odessa, ma in ogni caso Pierre è prontamente tornato in Francia non con un volo qualsiasi, ma con un Falcon 50 dell’Etec, l’unità dell’Armée de l’Air.

Uno scherzetto che costerà caro ai contribuenti francesi, come sottolinea il giornale satirico Canard Enchaine. Sarkozy, da parte sua assicura di aver pagato di tasca propria il volo sborsando 7.632 euro.

Ma i conti sembrano proprio non tornare. Secondo il giornale il volo sarebbe costato molto di più e per dimostrarlo pubblica subito i conti fatti: un’ora di volo costa 5625 euro, 7 ore di volo fra andata e ritorno (Francia-Odessa e viceversa) costerebbero circa 40mila euro. Se anche Sarkozy avesse pagato oltre 7000 euro, il resto della spesa (oltre 30.000 euro) graverebbe in qualche modo sui contribuenti.

Il Falcon 50 è un aereo delegato a far viaggiare Sarkozy e i suoi ministri per incontri ufficiali. Di certo non può essere utilizzato per scopi privati: il giornale solleva anche il principio della neutralità pubblica secondo cui i mezzi di trasporto destinati al presidente dovrebbero essere utilizzati solo ed esclusivamente per scopi di interesse generale. Che non sembrano esattamente questi.

Tags:

Lascia una risposta