Fini stanco degli insulti di Berlusconi

5 gennaio 2013 17:320 commenti

Si erano tanto amati. Erano coalizzati. Poi il crack. Qualcosa si è rotto. Con ogni probabilità la love story tra Gianfranco Fini e Silvio Berlusconi è finita per sempre, ma questo lo si sapeva già da tempo.

Poco più di un anno fa la separazione politica. Fini ha prontamente creato il suo partito, dandogli il nome di Futuro e Libertà. Anche perché, la sua visione di libertà e di futuro era troppo diversa da quella di Berlusconi.

I due leader hanno cambiato la storia politica di Italia in compagnia di un terzo uomo, quell’Umberto Bossi che negli ultimi tempi fa orecchie da mercante in relazione alla richiesta di Berlusconi di supportarsi ancora per le prossime elezioni.

Il ritorno in politica del ‘Cavaliere’, dunque, è avvenuto in un clima totalmente diverso. Gli italiani sono stanchi, ma sono stanchi anche i suoi ex compagni di avventure e legislature.

Uno su tutti è proprio Gianfranco Fini, che da ieri ufficialmente ha stabilito che correrà al fianco di Mario Monti alla Camera, con una propria lista.

Lo abbiamo scoperto durante la presentazione di nome e logo del nuovo partito di Monti, scelta civica per l’Italia.

Perché fini non sostiene più Berlusconi? Perché è d’accordo con gli italiani, che lo considerano un ‘falso’ e uno che sa solo insultare gratuitamente:

“Degli insulti e delle menzogne di Berlusconi, anche gli italiani che lo hanno votato non ne possono piu” Questa è la replica piccata, affidata a Twitter, di Gianfranco Fini ad alcune esternazioni fatte dal leader Pdl. Quando? Il Cavaliere si è sbizzarrito nel corso della videochat con corriere.it contro i suoi avversari, definendo Monti, Fini e Casini il ”Trio Sciagura”.

Tags:

Lascia una risposta