Foto ricordo della classe via la bambina down

1 ottobre 2011 06:561 commentoDi:

Una storia di discriminazione ai danni di una bambina di dieci anni, affetta dalla sindrome di down, è tornata nuovamente a far discutere.

Questa volta l’episodio è successo in una scuola della provincia di Potenza, dove a ricordo della quinta classe elementare è stata scattata un foto di gruppo di tutti gli alunni, insegnanti compresi, ma nella foto, purtroppo mancava proprio la piccola alunna down.

Le foto di classe scattate erano due una con la piccola protagonista che è stata  consegnata solo alla sua famiglia, mentre nella seconda, per tutti gli altri genitori, la bambina down era miracolosamente sparita.

”Si è trattato solo di uno sbaglio, una leggerezza che si doveva evitare, ma non di un tentativo di discriminazione”, ha voluto così giustificare il fatto il sindaco di Sinise (Potenza).

Ultimo aggiornamento 01 ottobre 2011 ore 08,55

Tags:

1 commento

  • La vicenda della foto di classe distribuita nelle due versioni con e senza la bambina Down rappresenta, al di là delle intenzioni delle maestre quanto meno molto superficiali, un’ immagine simbolica di quella che rischia di diventare la nostra società.
    Ci sono tanti modi di “cancellare” i bimbi Down: non facendoli venire al mondo, grazie alle analisi sempre più “efficaci” che segnalano la loro presenza ancora prima della nascita, teorizzando che la loro presenza nelle classi costituisce un peso per l’andamento della didattica (Presidente della Provincia di Udine); c’è poi chi propone l’eliminazione della figura dell’insegnante di sostegno (Fondazione Agnelli); non manca anche chi vorrebbe che il sostegno fosse pagato privatamente e affidato a personale esterno alla scuola (disegno di legge dei senatori Bevilacqua e Gentile).
    Alle maestre consiglio soltanto di cercare di immaginare cosa può provare una bambina di 10 anni, che già deve faticare molto più degli altri ad essere accettata, sapendo che i suoi compagni hanno la foto della classe senza di lei.
    A bambini dico: rifate la foto anche con Francesca, sarà ancora più bella. E anche se i “grandi” ve lo propongono, non rinunciate mai a un mondo dove c’è un posto per tutti!

    Francescogiovannelli@gmail.com

Lascia una risposta