Freddo record, centinaia di morti

6 febbraio 2012 10:010 commenti

L’ondata di freddo siberiano e le condizioni meteo estreme causano altre vittime, infatti proprio in queste ore si contano oltre 250 morti, di cui la maggioranza in Ucraina, dove le temperature hanno toccato i trentatrè gradi sottozero a causa dell’ipotermia.

In Polonia hanno perso la vita otto persone, in Russia sessanta, in Romania trentaquattro e in Bulgaria sedici, prevalentemente clochard. Il freddo intenso ha colpito anche l’Europa occidentale, infatti nella zona dei Balcani sono caduti diversi centimetri di neve e Sarajevo ha dichiarato lo stato di emergenza visto che le autorità hanno dovuto usare gli elicotteri per portare beni di prima necessità ai cittadini, mentre in Serbia 70mila persone si sono trovate senza energia elettrica.

In Francia sono morte cinque persone nelle ultime quarantotto ore e anche in Italia la situazione appare sempre più critica, infatti quattro persone sono morte con la pala in mano, nel tentativo di pulire il vialetto di casa. La situazione non tende a migliorare soprattutto in Abruzzo, dove interi paesini sono rimasti isolati senza acqua, luce e cibo tanto che Coldiretti ha annunciato l’intervento di 10.000 trattori. Il sindaco di Sora spiega di essere stato abbandonato dalle istituzioni e anche a Magliano dei Marsi non c’è acqua potabile da giorni, infatti stanno aspettando tutti  l’intervento di uno spazzaneve. Sulle autostrade la situazione sta lentamente migliorando, infatti sono state riaperte l’A24 e l’A25, dove erano rimaste bloccate 400 auto al casello di Pratola, ma il traffico procede a singhiozzo.

Tags:

Lascia una risposta