Fuochi d’artificio vietati a Capodanno

29 dicembre 2011 08:290 commenti

Dopo aver parlato del blocco del traffico che sta “colpendo” Milano proprio in queste ore veniamo a sapere che l’ordinanza antismog mette a rischio anche i tradizionali fuochi d’artificio che vengono sparati durante la notte del Veglione di Capodanno. Il provvedimento, varato ad ottobre, prevede un blocco totale del traffico quando il livello di Pm10 supera i parametri consentiti per sette giorni consecutivi e il divieto di uso e di accensione di fuochi d’artificio, giochi pirici e pirotecnici, fumogeni, petardi e di ogni strumento per l’emissione di fumo o gas visibile.


La norma potrebbe essere sospesa nel caso in cui il livello di Pm10 sia inferiore a 50 mg/mc per almeno tre giorni consecutivi, ma l’impresa appare quanto mai ardua dal momento che proprio oggi è partito l’ennesimo blocco del traffico.

I cittadini milanesi sono più che mai fiduciosi, ma purtroppo Capodanno è alle porte e le centraline Arpa martedì hanno registrato concentrazioni di Pm10 pari a 114 mg/mc a Città Studi, 91 in via Senato e 88 al Verziere. La questione si fa davvero spinosa, perché il capoluogo lombardo rischia di rimanere al buio proprio l’ultima notte dell’anno, a meno che il sindaco decida di emettere una derega per permettere ai cittadini di Milano di poter festeggiare tradizionalmente il Capodanno. Codacons nel frattempo ha già sollevato la questione invitando Pisapia a vietare i botti visto che lo scorso anno la centralina Senato registrò 157 microgrammi per metro cubo di Pm10, mentre a Verziere si giunse a 164 mcg/m3.






Tags:

Nessun commento

Lascia una risposta