Garrone vince il Grand Prix, Haneke la Palma d’oro al Festival di Cannes 2012

28 maggio 2012 11:010 commenti

La 65esima edizione del Festival di Cannes si chiude con la vittoria di Amour di Michael Haneke che conquista la Palma d’oro. La vittoria di Haneke (alla sua decima partecipazione al Festival) era praticamente annunciata: il regista austriaco (si dice osteggiato da Moretti) conquista la sua seconda Palma (dopo Il nastro bianco) con un film toccante che segna il ritorno al cinema di Jean Louis Trintignant, 81 anni e che racconta la vicenda di due anziani coniugi (Trintignant ed Emmanuelle Riva) alle prese con l’aggravarsi di una malattia.

L’Italia non resta a mani vuote (come previsto) dato che la giuria presieduta da Nanni Moretti assegna il Gran Prix a Reality, di Matteo Garrone (molto emozionato), unica pellicola italiana in concorso. Per Garrone si tratta di un prestigioso bis dato che aveva già conquistato il Grand Prix nel 2008 per lo sconvolgente Gomorra.


Reality, una dark comedy che racconta di un pescivendolo napoletano ossessionato dall’idea di partecipare al Grande Fratello, è già stata venduta praticamente ovunque.

MATTEO GARRONE IN CONCORSO AL FESTIVAL DI CANNES

Il Premio della Giuria va all’impegnato Ken Loach per il suo The Angels’ Share. Conquista il riconoscimento per migliore regista il messicano Carlos Reygadas di Post Tenebras Lux. Il premio per la migliore sceneggiatura a Cristian Mungiu per Beyond the Hills. Il premio per la migliore attrice viene assegnato ex aequo a Cosmina Stratan e Cristina Flutur, interpreti della pellicola di Mungiu. Miglior attore protagonista è Mads Mikkelsen, interprete di The Hunt del danese Thomas Vinterberg.

A presentare la serata, la madrina Berenice Bejo (The artist): sul palco, carrellata di attori (Alec Baldwin, Nastassja Kinski, Audrey Tatou, Gong Li) per consegnare gli ambiti riconoscimenti.






Tags:

Lascia una risposta