Home / News / Giugliano, torture e sevizie al figlio di 15 anni: arrestato 47enne algerino

Giugliano, torture e sevizie al figlio di 15 anni: arrestato 47enne algerino

La crudeltà umana non ha limiti e a volte neppure vincoli familiari: un recente caso di cronaca ha infatti sconvolto il Paese. Un algerino di 47 anni ha picchiato e torturato il figlio 15enne per un lunghissimo tempo, finché la madre non ha deciso di ribellarsi, portando la sua famiglia e se stessa fuori da quell’inferno domestico e, dopo aver preso coraggio, denunciando tutto ai carabinieri nel molisano. Il colpevole è un 47enne algerino che è stato arrestato e portato a Poggioreale. 

Da quanto ha raccontato l’adolescente, il padre si divertiva a tenerlo al freddo e a rovesciargli addosso secchi d’acqua ghiacciata; le punizioni avvenivano applicandogli scariche elettriche, e non sono mancati i momenti in cui, preso da ira, si divertiva a riempirlo di botte. Un tormento durato anni avvenuto a Giugliano, in provincia di Napoli.

La madre aveva visto abbastanza e dopo tanto tempo – forse troppo, per paura – è riuscita a portare con sé il figlio fino in Molise, dove poi ha denunciato il marito. Quest’ultimo non ha problemi né di droga né di alcol: i metodi di cui sopra venivano attuati per terrorizzare la famiglia e imporre così la sua autorità. Una famiglia, peraltro, composta da altri due bambini minorenni.

La famiglia oggi è protetta in una struttura adeguata, assistita dai servizi sociali. Le ferite inflitte da quell’uomo resteranno indelebili sulla pelle di moglie e figli, che ora però possono tirare un sospiro di sollievo.

Loading...