Grave disagio di un giovane disoccupato

ortensia

Non ce l’ha fatta il giovane operaio, S.M. di 36 anni, che ha voluto rendere pubblici la sua atroce sofferenza e il suo sconforto, attraverso un gesto così estremo.

S.M. aveva perso il suo lavoro di operaio lo scorso mese di novembre, in una ditta di Zingonia, l’azienda dopo un periodo di cassa integrazione, ha chiuso i battenti e S.M. si è ritrovato disoccupato.

La perdita del posto di lavoro oggi è un vero e proprio dramma e S.M. ne è rimasto così drasticamente sconcertato, da arrivare al punto di togliersi la vita, in un modo così atroce, bruciarsi vivo.

Sabato mattina, mentre transitava la provinciale tra Brembate e Marne, in uno spiazzo,  il giovane si è fermato con l’auto, e’ sceso, si e’ cosparso il corpo di benzina ed ha appiccato le fiamme.

Due passanti che hanno assistito alla scena sono subito  intervenuti, cercando di spegnere le fiamme, poi è sopraggiunta una donna che ha cercato anch’essa, col suo estintore che portava in macchina, di prestare soccorso al ragazzo, un quarto uomo invece gli ha praticato un massaggio cardiaco. S.M. è stato quindi trasportato immediatamente agli Ospedali Riuniti di Bergamo.

Da qui trasferito nel reparto di Rianimazione dell’ospedale di Verona Borgo Trento, in un centro specializzato nella cura delle ustioni. 

Il giovane però ha riportato ustioni troppo gravi e nella tarda mattina di domenica è deceduto.

Loading...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *