Gucci acquista Richard Ginori

22 aprile 2013 14:080 commenti

richard-ginori

Non si è fatto avanti nessun altro e il termine per la presentazione delle offerte è scaduto quest’oggi alle 12. Così, non si terrà nessuna asta per l’acquisto di Richard Ginori. Da oggi, la celebre maison di porcellane, creata nel 1735 e fallita nel gennaio di quest’anno, passa in mano all’unico offerente: Gucci. La casa di moda, dopo aver formalizzato l’offerta nei giorni scorsi, ieri l’ha concretizzata proponendo al Tribunale di Firenze 13 milioni di euro.

L’appuntamento è fissato alle ore 15 di oggi per l’aggiudicazione provvisoria. Successivamente avverrà la firma del contratto sindacale. Tale accordo dovrà contemplare il reintegro di duecentotrenta dipendenti su trecento cinque.


> Richard Ginori fallita

Queste erano le condizioni di sospensione richieste dal gruppo della moda, il quale fa capo al colosso francese del lusso Kering (nuovo nome di Ppr), al fine perfezionare l’acquisto. I sindacati confederali e Cobas non sembrano essere d’accordo nella valutazione di tale condizione. Per l’esattezza, i Cobas hanno già dichiarato di voler proporre contratti di solidarietà per il riassorbimento di tutti i dipendenti.

Al momento, dunque, siamo in attesa di venire meglio a conoscenza del piano industriale che, stando a quanto annunciato da Gucci, farà affidamento sulle competenze, il know how e le sinergie esistenti tra i due brand, con lo sviluppo, nel breve-medio periodo, di articoli per la tavola nel segmento lusso, e la costruzione di un’attività sostenibile nel lungo periodo.

L’investimento di Gucci, che mette insieme due simboli del made in Italy di qualità, contempla esclusivamente il marchio Richard Ginori e la fabbrica di Sesto Fiorentino.






Tags:

Lascia una risposta