Il maltempo sta distruggendo il nord della Puglia – le previsioni

7 settembre 2014 10:460 commenti

Il maltempo era stato annunciato ma non si prevedeva un tale disastro, almeno non in Puglia dove le piogge stanno flagellando il foggiano e si contano già le vittime di questo inaspettato nubifragio.

La Puglia, ma in generale l’Italia, non è abituata a fronteggiare delle catastrofi meteo. Oltre a dare l’allerta, non si fa molto altro e quindi, le piogge torrenziali, causano anche morti, oltre che dispersi.

Problemi per l’agricoltura italiana a causa del maltempo 

La situazione in Puglia resta critica e fino a questo momento la vittima è una ed ha un nome: si tratta di Antonio Facenna, un giovane allevatore di Carpino che aveva soltanto 24 anni. I temporali hanno determinato la chiusura di molte strade. Sono stati salvati in extremis nel loro camper, dei turisti che erano stati sommersi del tutto dall’acqua ed erano finiti in mare.

antonio-facenna


Il giovane allevatore Antonio Facenna è stato ritrovato senza vita. Era disperso da mercoledì. Il suo corpo era vicino alla macchina in prossimità del canale Puntone che è alla foce del lago di Varano. Le acque lo hanno trascinato per più di 5 chilometri.

Maltempo in Sardegna: le immagini della strage

Risulta invece ancora disperso un cantoniere di Peschici. Le operazioni di ricerca e soccorso sono molto difficili, ma per ora a parte Facenna non ci sono altre vittime confermate. È stata smentita anche la notizia del cadavere in mare che si pensava fosse un anziano residente a Peschici e originario di Vico del Gargano.

Proprio sul promontorio la situazione è difficile ed è stato chiamato in causa l’esercito per fronteggiare i danni della bomba d’acqua che si è abbattuta su Peschici. Si sono registrati smottamenti, evacuazioni e interruzioni della comunicazione stradale. L’allerta, adesso, si è spostata sul litorale dove le località turistiche come Vieste e Peschici sono state evacuate.

Al momento sono state date altre 24 ore di allerta ma il tempo dovrebbe migliorare a partire dalla prossima settimana.






Tags:

Lascia una risposta