Imu senza multe per chi sbaglia il calcolo

4 maggio 2012 10:550 commenti

Trattandosi di una tassa oltre che nuova anche piuttosto complicata, in quanto sono i contribuenti a dover effettuare il calcolo della somma da versare, a dover dividere l’importo per due o tre rate e a dover dividere l’importo determinando la quota spettante al Comune e quella spettante allo Stato, il governo sta prendendo in seria considerazione la possibilità di non far pagare alcuna multa ai contribuenti che sbagliano a calcolare l’Imu e che quindi versano una somma inferiore rispetto a quella effettivamente dovuta, almeno per il primo anno.

COME COMPILARE IL MODELLO F24 PER PAGARE L’IMU

A parlare della possibilità che venga presa una decisione in tal senso è stato il sottosegretario all’Economia Vieri Ceriani nel corso di un incontro con la stampa e rispondendo alle domande dei giornalisti sulla possibilità che si decida di non applicare sanzioni per il primo periodo.


COME PAGARE L’IMU

Durante tale incontro Ceriani ha anche parlato della protesta dei sindaci, secondo cui l’Imu è una tassa che favorisce solo le casse statali. A riguardo, in particolare, il sottosegretario ha spiegato che si sta ragionando a riguardo vagliando due diverse possibilità, che tuttavia in entrambi i casi entreranno in vigore non prima del 2013. La prima consiste nel dare tutta l’Imu ai Comuni, versando la quota incassata dallo Stato a favore del cosiddetto fondo di perequazione, in modo da equilibrare le differenze che altrimenti ci sarebbero tra i Comuni di grandi dimensioni e quelli di dimensioni più ridotte. La seconda ipotesi prevede invece due imposte nettamente separate, ovvero una a favore dei Comuni e una a favore dello Stato.

Secondo i dati nella mani di Ceriani, il 30% delle prime case non pagherà nulla grazie alle detrazioni, mentre per gli altri, sempre riguardo alla prima casa, la media sarà di 194 euro.






Tags:

Lascia una risposta