Indignati, Roma violenza e distruzione

16 ottobre 2011 05:550 commentiDi:

I cortei pacifici degli “Indignati” che hanno attraversato ieri le vie di Roma, sono stati disturbati da gruppi devastatori e violenti.

Il movimento degli “indignati” si è mobilitato contro la precarietà e il potere della finanza, in una giornata di cortei che hanno sfilato, sabato, in tante altre grandi città mondiali.

A Roma, erano attese 200.000 persone, le forze dell’ordine temevano i disordini e a buon ragione.

Sabato dopo mezzogiorno circa, nel cuore della capitale  la manifestazione si è trasformata in guerriglia per l’intervento di gruppi infiltrati di teppisti incappucciati che hanno messo in ginocchio la capitale, tra negozi distrutti, auto incendiate e le vetrate delle banche prese all’assalto dai distruttori.

Una giornata che ha ricordato quella del G8 di Genova, dieci anni fa.

In poche ore la città è diventata un campo di battaglia, da via Cavour a piazza San Giovanni, con i black bloc che sconvolgono la manifestazione pacifica che avrebbe dovuto unire virtualmente la capitale alle altre città europee in piazza.

I violenti erano muniti di bombe molotov, sampietrini, enormi bastoni, una bomba carta è stata fatta esplodere presso l’ex sede dell’Agenzia delle Entrate in via Labicana, Tricolore e bandiere dell’Unione Europea sono state date alle fiamme.

Gli uomini delle forze dell’ordine hanno faticato molto per contenere l’onda d’urto dei violenti. Un blindato della polizia è stato incendiato, ma per fortuna gli agenti sono riusciti a mettersi in salvo.

Gli “indignati” pacifici hanno condannato la violenza dei circa cinquecento black bloc che hanno oscurato la loro volontà di esprimersi contro la crisi dei lavoratori e abbattere il potere della casta dirigenziale.

Il sindaco di Roma, Alemanno, ha commentato i fatti: “Io ho l’impressione che qui a Roma ci sia il peggio di tutta Europa. Secondo me la stragrande maggioranza viene da fuori. Si tratta di gruppi ben organizzati infiltrati nella manifestazione. Mi auguro che le forze dell’ordine e i manifestanti pacifici riescano ad isolarli. Sono stato colpito dal fatto che i manifestanti applaudono alla Polizia, un fatto che testimonia come i violenti siano del tutto isolati”.

Il bilancio dei drammatici scontri è di 70 feriti e 12 arrestati.

Ultimo aggiornamento 16 ottobre 2011 ore 07,55

Tags:

Nessun commento

Lascia una risposta