Inizio Sanremo 2013

12 febbraio 2013 22:280 commenti

Si comincia con un omaggio a Giuseppe Verdi, con il celebre Viva Verdi. Così il conduttore Fabio Fazio ha deciso di aprire il festival di Sanremo 2013. In nome dell’artista italiano ritenuto più popolare.

Nella città dei fiori, dunque, si parte con il “Va Pensiero”, l’aria del Nabucco che è stata definita “il simbolo dell’unità d’Italia”.

Contaminazione

A dirigere l’orchestra c’è Mauro Pagani ex membro della Pfm, noto anche per le sue collaborazioni con il grande Fabrizio De Andrè. Presente sul palco al momento dell’esecuzione anche il coro dell’Arena di Verona. Si tratta dunque di un’apertura avvenuta nel segno della contaminazione tra classica e canzone.

Fabio Fazio durante l’introduzione alla kermesse canora ha voluto sottolineare il concetto di “popolare” che, come ha ricordato il conduttore, significa “per tutti”.

L’arrivo della Littizzetto

C’era grande attesa anche per l’ingresso di Luciana Littizzetto. La comica è arrivata al Teatro Ariston in carrozza, trainata da una doppia fila di cavalli.

Questa la prima battuta: “Come cocchiere ho un esodato della Fornero”. Poi la Littizzetto ha aggiunto: “Faccio come Monti, salgo sul palco non scendo”.

Fabio Fazio ha subito cercato di tenerla a bada. Ma la Littizzetto è molto difficile da gestire, e ha incalzato così: “Faccio l’elenco dei politici pirla così facciamo il festival più corto della storia”. Questa è stata la risposta.

La Littizzetto ha successivamente letto una lettera a Sanremo in cui ha scherzato sul tema della par condicio. “Dopo quello che è successo, con le elezioni, le dimissioni in Vaticano, qui manca solo che piovono rane e sbarcano gli alieni ad Arma di Taggia e stiamo a posto”.

Si preannuncia un Festival scoppiettante.

Tags:

Lascia una risposta