Home / News / Iran attiva la sua prima centrale nucleare

Iran attiva la sua prima centrale nucleare

IRAN-NUCLEAR

Al via il lancio della prima centrale nucleare in Iran con l’aiuto della Russia, molte le preoccupazioni da parte degli Stati Uniti, che ritengono l’operazione prematura.

Mosca ha mantenuto la sua promessa e avvierà il suo controverso programma nucleare con l’Iran, l’impianto di Bushehr, a sud dell’Iran, partirà il 21 agosto.

La notizia, sebbene prevedibile, non è piaciuta a Washington. Quando il Primo Ministro, Vladimir Putin, dichiarò, nel mese di marzo, che la centrale di Bushehr sarebbe stata avviata entro questa estate, il segretario di Stato americano, Hillary Clinton, aveva  considerato la data alquanto prematura.

L’impianto nucleare è destinato a produrre elettricità con combustibile fornito dalla Russia, ma gli Stati Uniti non vogliono fare concedessioni a Teheran,  prima che l’Iran, sottoposto a pesanti sanzioni dal Consiglio di Sicurezza delle Nazioni Unite,  non metta fine a tutte le altre attività nucleari.

La decisione russa divide il “gruppo di Vienna”  composto da Russia, Stati Uniti e Francia.

La Russia, anche se preoccupata per la potenziale realizzazione di una bomba iraniana, ha sempre sostenuto che l’impianto di Bushehr, rimasto in stallo per 35 anni,  non ha nulla a che vedere con un progetto in ambito militare.

La Francia sostiene questo progetto russo-iraniano, commentando: “L’attivazione dell’impianto può essere  un buona ragione per Teheran, di sospendere tutte le sue altre attività nucleari sensibili, ha commentato il ministero degli esteri francese, venerdì; il quale ricorda che Bushehr è un sito autorizzato dalle Nazioni Unite, “Per l’Iran non è possibile utilizzare un combustibile diverso da quello della Russia. L’arricchimento dell’uranio da parte dell’Iran, quindi,  non può essere giustificato dalla motivazione che questo, servirà per il funzionamento della centrale di Bushehr “.

ll progetto non è nuovo. Iniziato prima della rivoluzione islamica del 1979, dal gruppo tedesco Siemens, poi abbandonato, il sito era stato, dunque, preso dalla Russia nel 1994.

I funzionari russi hanno garantito che il perfezionamento della centrale di Bushehr, è stato fatto sotto il controllo della Russia e dell’AIEA.

Secondo il leader dell’Organizzazione iraniana per l’energia atomica, Ali Akbar Salehi, l’Iran ha invitato gli ispettori dell’Agenzia internazionale dell’energia atomica (AIEA),  per partecipare all’operazione di lancio.

“Il carburante già fornito dalla Russia, è sigillato e gli ispettori dell’AIEA devono essere presenti per rimuovere tali sigilli”, ha riferito Salehi.

In base all’accordo con la Russia, l’Iran sarà obbligato poi a restituire a Mosca barre di combustibile utilizzate.

L’agenzia nucleare russa ha ricordato che l’avvio richiederà del tempo: “Dopo tre-quattro mesi, la potenza energetica sarà minima, circa l’1%”, ha precisato un portavoce e ci vorranno sei-sette mesi per raggiungere la massima potenza della centrale.

Loading...