La Apple non può usare il nome iPad in Cina

8 dicembre 2011 14:370 commenti
Diventato nell’arco di pochissimo tempo un oggetto cult, l’iPad della Apple rischia ora di costare molto caro all’azienda di Cupertino. Almeno in Cina.
Il Tribunale Popolare Cinese di  Shenzen ha infatti stabilito che per vendere il proprio tablet in Cina, la Apple dovrà cambiargli nome, pena il pagamento (salato) di ben 1,6 miliardi di dollari di multa da pagare all’azienda Proview International per poter ottenere il diritto di utilizzo del nome.

E pensare che tutto è cominciato proprio dalla Apple che ha dato il via a una causa contro la suddetta compagnia cinese, accusata di utilizzare impropriamente il copyright del nome iPad.


Il tribunale cinese invece ha respinto le richieste della Apple capovolgendo in sostanza la situazione e intimando la società statunitense ad acquistare i diritti per l’utilizzo del nome iPad in Cina.La questione è di lunga data: in effetti nel 2000 la Proview di Taipei aveva registrato il nome “iPad” relativamente all’Europa, seguita dall’anno successivo dalla Proview Shenzen che aveva registrato il nome in Cina.

Nel 2009 la Apple aveva acquistato per circa 55 mila euro dalla società di Taipei, il diritto d’utilizzo del nome iPad per l’Europa. Ma questo, secondo il tribunale cinese sarebbe stato l’errore: la Apple avrebbe acquistato il nome per l’Europa, ma non per il territorio cinese, non avendo acquistato lo stesso diritto dalla Proview di Shenzen.

Ma la questione e la richiesta è venuta a galla solo ora, con la società di Shenzen, che, sull’orlo della bancarotta, ha pensato di pagare i propri debiti querelando la Apple.

foto: Apple.com






Tags:

Lascia una risposta