Latorre è tornato in Italia dove si curerà per 4 mesi

13 settembre 2014 21:560 commenti

Il fuciliere della marina è stato trasferito dall’India all’Italia. Sembra dunque che l’India si sia ammorbidita anche se la ragione legata al rimpatrio di Latorre è l’ischemia subita qualche giorno fa.

maro_india

Massimiliano Latorre, per curarsi dall’ischemia che lo ha colpito ad agosto, è tornato in Italia e si è trasferito nella casa della sorella a Taranto. Il volo lo ha trasferito da Nuova Delhi a Grottaglie in Puglia. Si tratta della terza licenza che il governo indiano accorda ai militari che da due anni e mezzo sono alle prese con la giustizia indiana.

> Quando Razzi ha detto che avrebbe liberato i marò

Salvatore Girone, invece, che era sempre in servizio sull’Enrica Lexie, ha avuto soltanto due licenze premio, una nel Natale nel 2012 e l’altra è stata un permesso elettorale nel 2013. Adesso è rimasto in India.


Giulia, la figlia di Latorre, che si era scagliata contro il governo all’indomani dell’ischemia del padre, accusandolo di non occuparsi di quest’affare internazionale, ha commentato con un semplice “che bella notizia”, la licenza di 4 mesi accordata al padre. Poi ha chiesto un po’ di privacy per questo periodo che Latorre trascorrerà con la famiglia.

> Latorre, uno dei marò, ricoverato per un’ischemia a New Dheli

Paola Moschetti, la compagna di Latorre, ha detto di essere contenta per la licenza e di sperare che Latorre concluda nel migliore dei modi il percorso terapeutico che ha intrapreso. Prima la salute dunque, anche se la decisione della Corte Suprema indiana apre spiragli sulla vicenda dei due fucilieri.

È fiduciosa anche la Pinotti. Il nostro ministro degli Esteri ha detto che adesso sarà necessario battere il ferro finché è caldo e risolvere la questione dei due fucilieri di marina.






Tags:

Lascia una risposta