Latorre, uno dei marò, ricoverato per un’ischemia a New Dheli

2 settembre 2014 11:320 commenti

Massimiliano Latorre, uno dei due marò che ancora sono trattenuti in India, ha avuto un malore ed è stato immediatamente trasferito all’ospedale di New Dheli. I medici dicono che ha avuto un’ischemia e per questo è ancora sotto osservazione.

i_due_maro_italiani

Se un detenuto si sente male in un carcere straniero, nel dettaglio indiano, adesso sappiamo che ottiene le cure necessarie. È successo infatti che Massimiliano Latorre, uno dei due marò ancora in carcere in India, è finito nel reparto di neurologia dell’ospedale di Nuova Dheli. Secondo le notizie che sono trapelate dai giornali avrebbe avuto un attacco ischemico transitorio dal quale si è velocemente ripreso.

Cosa è successo in Italia alla notizia del malore di Latorre? A livello governativo il ministro della Difesa ha deciso di volare immediatamente in India per accertarsi di persona dello stato di salute del fuciliere della nostra Marina Militare. Il ministro Pinotti ha poi rassicurato gli italiani dicendo che l’intervento medico indiano è stato provvidenziale per salvargli la vita.

> Cosa sta succedendo alla politica estera italiana ed europea


La figlia del fuciliere tarantino, Giulia Latorre, non ha atteso troppo, come tutte le adolescenti, per sfogare il suo malessere su Facebook dove ha scritto e poi cancellato il commento seguente, contro l’Italia e contro la diplomazia tricolore che accoglierebbe gli indiani nel nostro Paese senza poi avere la possibilità di riportare suo padre, che l’Italia l’ha servita, finalmente in patria. Poi rassicura tutti dicendo che lo ha sentito al telefono e che sta meglio.

A livello diplomatico, il ministro degli Esteri uscente, Federica Mogherini, ha lavorato per la soluzione della tensione che si è creata tra Italia ed India, ma vista la complessità della vicenda e la sostituzione in corsa della Mogherini, non è chiara la strada che prenderà la vicenda dei due marò italiani.

Chi sono gli immigrati che arrivano in Italia






Tags:

Lascia una risposta