Le principali misure della Riforma della Pubblica Amministrazione di Renzi

14 giugno 2014 18:310 commentiDi:

parlamento

Arrivano, finalmente, le riforme. Quelle riforme strutturali che l’Europa chiede da tempo e un grande passo in avanti si fa con l’ultimo consiglio dei ministri, quello in cui il premier Matteo Renzi ha presentato tra le altre cose il disegno di legge delega per la  riforma della pubblica amministrazione. Da tempo infatti l’amministrazione pubblica dello stato italiano necessita di una riforma dalle sue fondamenta. 

Le linee guida di Renzi per la riforma della Pubblica Amministrazione

Ecco quindi quali saranno i provvedimenti a cui si punterà attraverso il disegno di legge. Ci saranno però intanto due decreti legge che interverranno almeno a breve sulle norme del trattenimento in servizio e su quelle che regolano la concessione dei permessi sindacali.

Le novità previste dalla Riforma della Pubblica Amministrazione di Renzi

Le principali misure della Riforma della Pubblica Amministrazione di Renzi

  • A partire dal mese di ottobre 2014 sarà abolito per decreto il trattenimento in servizio, decisione che aprirà le porte al ricambio generazionale, creando almeno 15 mila nuovi posti di lavoro. Ci sarà solo un periodo di transizione fino a dicembre 2015 per le posizioni più alte
  • Sarà approvata la mobilità obbligatoria fino a 50 km con equiparazione dello stipendio e della qualifica e si darà spazio anche alla mobilità volontaria in caso di necessità
  • Non ci saranno più divisioni in fasce per i dirigenti, ma ci sarà un ruolo unico
  • Non ci sarà nessun nuovo concorso se non saranno prima assunti i vincitori dei precedenti bandi
  •  A partire dal 1 agosto 2014 saranno dimezzati del 50 per cento i permessi della PA
  • I lavoratori con requisiti di anzianità potranno essere mandati in pensione prima dei requisiti di vecchiaia – 42 anni e 6 mesi per gli uomini e 41 anni e 6 mesi per le donne.
Tags:

Lascia una risposta