L’economia del Brasile supera la Gran Bretagna

27 dicembre 2011 10:420 commenti

A chiudere un 2011 disastroso per le economie dei paesi europei, arriva oggi una notizia che potrebbe riassumere e rappresentare da sola l’anno nero in cui è incappato il vecchio continente: l’economia del Brasile ha infatti superato quelle di Italia e Gran Bretagna, piazzandosi al sesto posto per Pil nella World Economic League Table. Nella classifica redatta dal Centre for Economics and Business Research (Cerb), istituto indipendente britannico, il paese sudamericano è ora preceduto solo da Stati Uniti (1), Cina (2), Giappone (3), Germania (4) e Francia (5).


Delle retrocessioni, quelle di Italia e Gran Bretagna, (quest’ultima per anni al quarto posto durante il governo di Tony Blair) che potrebbero essere, ancora secondo i dati resi noti dal Cerb, soltanto il primo passo di un cambiamento che sta profondamente modificando la mappa economica del mondo, con l’ascesa dei Paesi Asiatici e di quelli produttori di materie prime ed il contemporaneo arretramento degli stati dell’Europa Occidentale.

Nel 2020, infatti, dalla graduatoria degli otto paesi più ricchi del globo, che rimarrà inalterata nelle prime tre posizioni, usciranno Francia e Italia, che si piazzeranno rispettivamente al nono e decimo posto, rimpiazzate da Russia e India che raggiungeranno addirittura la quarta e la quinta piazza, facendo arretrare la Germania, preceduta anche dal Brasile, al settimo posto.

Il Pil del Brasile nel corso di questo 2011 è cresciuto del 3,5%, rallentando vistosamente rispetto al ritmo del 7,5% raggiunto nel 2010. A sancire il sorpasso, tuttavia, la crescita quasi nulla dell’economia britannica e le difficoltà di quella italiana, dal prossimo anno quasi certamente in recessione.






Tags:

Lascia una risposta