Manager Deutsche Bank sequestra escort per farla abortire

25 gennaio 2012 07:320 commenti

Questa mattina è finito nel carcere di Opera il 58enne Marco Pracca, membro del consiglio di gestione di Deutsche Bank Italia, indagato per essere stato il mandante del sequestro della escort ventinovenne con la quale aveva una relazione stabile da circa un anno e mezzo. La donna nel frattempo era rimasta incinta e aveva espresso il desiderio di tenere il bambino, al contrario di Pracca, che aveva paura di perdere la reputazione.

Sono finiti dietro le sbarre anche quattro complici, che hanno rapito la donna il 6 marzo scorso tenendola prigioniera per un paio di giorni in una casa di campagna nel pavese, finché l’hanno liberata. Gli inquirenti non sono riusciti a comprendere il motivo di questo insolito gesto, infatti si pensa che probabilmente la donna gli abbia offerto dei soldi o siano stati inteneriti dalla bellezza di una donna al settimo mese di gravidanza.

Nel frattempo la escort ha partorito e la procura di Milano sta cercando di fare maggiore chiarezza, visto che all’epoca dei fatti fu proprio Pracca a denunciare la scomparsa della 29enne alla Polizia. Gli inquirenti capirono subito che c’era qualcosa di strano, infatti alcune amiche della donna avevano escluso un allontanamento volontario, parlando immediatamente di rapimento tanto che nel corso delle indagini gli agenti scoprirono che il manager aveva chiesto più volte alla ragazza di interrompere la gravidanza. La escort ha raccontato alla polizia che il problema non era il mantenimento del bambino, ma il fatto che Pracca non voleva si sapesse in giro che aveva avuto un figlio da una prostituta, perché sarebbe stato sconveniente.

Tags:

Lascia una risposta